Presto opere d’arte nello spazio

Il progetto Lunar Codex, frutto dell’ingegno di uno scienziato divenuto autore di fantascienza, prevede l’invio di circa 30mila opere d’arte sulla Luna

La Luna vista dal Kennedy Space Center della Nasa nel giugno 2022. Foto NASA/Ben Smegelsky, via Flickr
Benjamin Sutton |

Entro la fine del prossimo anno, sulla Luna ci sarà arte in quantità sufficiente da riempire diversi musei. Mentre la scena artistica sull’unico satellite naturale della Terra è cresciuta molto lentamente durante i primi 4,5 miliardi di anni del corpo astrale (l’opera in microchip «Moon Museum» del 1969 e «Fallen Astronaut» di Paul van Hoeydonck del 1971 sono finora le due presenze sul suolo lunare), un enorme impulso arriverà presto dal Lunar Codex, un progetto guidato dal fisico, poeta, collezionista d’arte e autore canadese di fantascienza Samuel Peralta. «Si tratta del maggior progetto globale di lancio di opere culturali nello spazio», ha dichiarato Peralta al New York Times. «Non c’è niente di simile da nessuna parte».

Il progetto prevede l’invio di circa 30mila opere d’arte (letteratura, musica, film, teatro e altro, alcune delle quali create ad hoc) in siti sulla superficie lunare a bordo di tre moduli di atterraggio il cui decollo è previsto tra il novembre 2023 e il novembre 2024. Gran parte dell’arte destinata alla Luna proviene da oltre 130 numeri della rivista PoetsArtists, che tende a concentrarsi sulla pittura e sul disegno figurativo contemporaneo. Peralta ha collaborato con l’editore e direttore della rivista, Didi Menéndez, per procurarsi versioni miniaturizzate e digitalizzate delle opere d’arte contenute.

«Molti degli artisti lavorano nel campo della figurazione contemporanea», ha dichiarato Menéndez al Times. «Parliamo di cose che stanno accadendo a livello politico e sociale. È una visione della Terra e di ciò che sta accadendo ora dalla prospettiva di un artista. E ciò che sta realmente accadendo con le emozioni».
Nel Lunar Codex saranno incluse anche immagini microscopiche di xilografie dell’artista ucraina Olesya Dzhurayeva, di cui Peralta ha collezionato le opere, e i dipinti che l’artista Connie Karleta Sales, affetta da neuromielite optica, una malattia autoimmune, realizza con l’aiuto di un sistema di tracciamento dello sguardo.

Gran parte del materiale inviato sulla Luna attraverso il progetto Lunar Codex sarà iscritto su minuscole «nanofiche», una forma di archiviazione analogica estremamente leggera e resistente che prevede l’iscrizione di immagini microscopiche su wafer di nichel delle dimensioni di una moneta da 25 centesimi di dollaro statunitense. Come suggerisce il nome, si tratta di una versione ancora più compatta della tecnologia delle microfiche, che da tempo consente l’archiviazione economica di materiali stampati e opere d’arte. La nanofiche è stata sviluppata per resistere al freddo e al calore estremi, nonché alle radiazioni elettromagnetiche (per sicurezza, alcuni materiali saranno inviati sulla Luna su schede di memoria digitali).

I materiali del Lunar Codex saranno inviati sulla Luna attraverso il Commercial Lunar Payload Services (CLPS) della National Aeronautics and Space Administration (Nasa), che offre servizi di trasporto per organizzazioni commerciali e non governative. Peralta intende il progetto Lunar Codex come «un messaggio in bottiglia per il futuro, in modo che i viaggiatori che trovano queste capsule del tempo possano scoprire alcune delle ricchezze del nostro mondo di oggi», ha dichiarato a Designboom.

«Il progetto si basa sull’idea che, nonostante le guerre, le pandemie e gli sconvolgimenti ambientali, l’umanità ha trovato il tempo per sognare, per creare arte. L’anno scorso, l’artista britannico Sacha Jafri ha annunciato l’intenzione di utilizzare il programma Clps per inviare una sua opera che diventerà la “prima opera d’arte ufficiale sulla Luna”». Poco dopo, Jeff Koons ha rivelato i suoi piani per un’esposizione lunare delle sue sculture. Entrambi i progetti di Koons e Jafri prevedevano un’edizione di Nft da offrire in concomitanza con le loro imprese astronomiche; lo stato attuale di entrambe le missioni, ad oggi, non è chiaro.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Benjamin Sutton