Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Pope.L pancia a terra a New York

Una performance al Village, una mostra al MoMA e un’installazione al Whitney

Un momento della performance di Pope.L «The Great White Way, 22 Miles, 9 Years, 1 Street» (2000-9). © Pope.L. Cortesia dell’artista e di Mitchell - Innes & Nash, New York

Il 21 settembre, nel cuore del Greenwich Village, da Washington Square a Union Square, attraverso Christopher Street e alcune delle strade più frequentate del quartiere, Pope.L (1955) assieme ad altre 140 persone, ha attraversato la zona con la sua ultima performance «The Conquest» e ha percorso quelle strade trascinandosi a pancia sotto sui marciapiedi, ben pronto a vedere e sentire le reazioni estemporanee dei passanti. L’artista si è già cimentato diverse volte in quest’idea con la realizzazione di «Times Square Crawl» (1978), «Tompkins Square Crawl» (1991), e «The Great White Way, 22 Miles, 9 Years, 1 Street» (2000-9).

Ma, in questo genere, questo è il suo progetto più ambizioso. Quali idee si celino dietro «The Conquest» lo racconta nel video di presentazione del Public Art Fund che ha organizzato l’evento: «È un invito a un certo senso di umiltà, ma anche un’iniezione di una buona dose di ironia mista al senso di umiltà. Ed è creato per scatenare domande e reazioni quali dubbio, scetticismo o magari anche entusiasmo “Ma vi pare arte questa?,” “Cosa state facendo?” o “A me piace… !”».

Per circa quattro decenni Pope.L ha proposto performance provocatorie che hanno affrontato temi scottanti della vita e società contemporanee, ma anche riflettuto sul significato del fare artistico e sulla sua natura. Oltre alla performance, ha utilizzato anche la pittura, l’installazione, il video, la scultura e il teatro. E questo pare proprio il suo momento. Accanto all’evento del Public Art Fund, il MoMA presenta, dal 21 ottobre al primo febbraio, la mostra «member: Pope.L, 1978-2001», su tredici opere fondamentali della sua carriera, e il Whitney Museum, dal 10 ottobre fino all’inverno 2020, la nuova installazione «Choir», basata sul tema dell’acqua e ispirata al motivo delle fontane e all’idea di John Cage che fondeva musica e suono. «Pope.L: Instigation, Aspiration, Perspiration» è il titolo dell’intera iniziativa che comprende le tre mostre presentate.

Viviana Bucarelli, da Il Giornale dell'Arte numero 401, ottobre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012