Pompei, una nuova inchiesta in arrivo sui restauri. Ma l'Unesco promuove il già fatto

Stefano Luppi |

Pompei (Napoli). A pochi giorni dal sequestro da parte della Corte dei Conti di 5,7 milioni all'ex commissario Fiori, a Pompei arriva una nuova «tegola» giudiziaria. Secondo il settimanale «l'Espresso» in edicola domani con una inchiesta esclusiva sugli scavi, la Procura di Torre Annunziata avrebbe aperto un fascicolo, con avvisi di garanzia spediti a due funzionari della Soprintendenza campana incaricati di seguire i restauri nel sito finanziati dall'Unione Europea. I lavori del Grande Progetto Pompei sono partiti, grazie a una parte dei 105 milioni messi a disposizione dall'Unione Europea, nel febbraio di due anni fa (Cfr. Edek Osser, edizione online, 6 febbraio 2013). Il settimanale non anticipa altri particolari e rimanda al numero in edicola domani in cui compare l'inchiesta firmata da Paolo Fantauzzi e Francesca Sironi. I due giornalisti però nel loro articolo spiegano anche delle difficoltà che sta
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi