Più di 170 espositori per Expo Chicago

La storica fiera del Midwest, di proprietà della londinese Frieze dall’estate del 2023, si prepara alla sua prima edizione dopo l’acquisizione

Expo Chicago. Foto Justin Barbin
Benjamin Sutton |  | Chicago

Expo Chicago, una delle più importanti fiere d’arte statunitensi, si sta preparando per l’undicesima edizione e la prima da quando è stata acquisita nell’estate del 2023 dalla società londinese di esposizioni e media Frieze. Dall'11 al 14 aprile all’interno dell’iconico Navy Pier di Chicago, presenterà gli stand di circa 170 gallerie commerciali, oltre a progetti e presentazioni di più di due dozzine di istituzioni e organizzazioni non profit. Questi numeri corrispondono all’incirca all’edizione dell’anno scorso, la decima e la più grande della fiera.

«Partendo da una solida base, Frieze ha collaborato con Expo Chicago per offrire un’esperienza elevata sia ai visitatori che agli espositori», ha dichiarato Kristell Chadé, direttore esecutivo di Frieze Fairs. «Attraverso la sua solida rete internazionale di gallerie e collezionisti, Frieze si impegna a sostenere il continuo successo di Expo Chicago».

Tornano circa 100 espositori della scorsa edizione e la fiera vanta molte importanti gallerie di alto livello, anche se le quattro mega-gallerie globali (Gagosian, Hauser & Wirth, Pace e David Zwirner) saltano la fiera, come l'anno scorso. Tra i partecipanti di più alto profilo figurano Perrotin (che aveva già partecipato in precedenza, ma che ha saltato l'Expo nel 2023), la Kasmin di New York, la Nino Mier Gallery di Los Angeles e la galleria brasiliana Nara Roesler. Come sempre, la fiera vanta un forte contingente di gallerie di Chicago, tra cui le più importanti della città: Corbett vs. Dempsey, Document, Rhona Hoffman Gallery, Mariane Ibrahim (che ritorna dopo aver saltato l'anno scorso) e Monique Meloche.

«La fiera contribuisce notevolmente alla ricca comunità culturale di Chicago e il suo legame di lunga data con la città la rende un importante momento di incontro per i mecenati delle arti, i curatori e i collezionisti degli Stati Uniti», ha dichiarato Tony Karman, direttore e presidente di Expo Chicago. Come di consueto, la maggior parte dei partecipanti esporrà nel settore generale Galleries della fiera, mentre il settore Exposure, curato da Rosario Güiraldes del Walker Art Center, presenterà stand di uno o due artisti di gallerie fondate negli ultimi 10 anni, e il settore Profile ospiterà stand personali e tematici di gallerie internazionali.

Tra gli espositori di Exposure si segnalano 56 Henry di New York, Addis Fine Art di Londra e Addis Abeba, El Apartamento di Cuba (che torna dopo aver saltato la fiera nel 2023) e Voloshyn Gallery di Kiev e Miami. Tra gli espositori del settore Profile ci saranno le newyorkesi Thierry Goldberg Gallery e Kravets Wehby Gallery, Shulamit Nazarian di Los Angeles, Spinello Projects di Miami e altri.

Anche se non così presenzialisti come nelle ultime edizioni, le gallerie dell’America Latina avranno una presenza significativa a Expo Chicago quest’anno. Tra gli espositori di rilievo provenienti da punti a sud del confine tra Messico e Stati Uniti ci saranno La Cometa e SGR Galería della Colombia, Curra e Labor del Messico e Verve del Brasile. Tra le istituzioni, le organizzazioni non profit e gli spazi gestiti da artisti che parteciperanno al settore delle mostre speciali della fiera ci saranno molte forze regionali, come la Chicago Artists Coalition, la School of the Art Institute of Chicago, il Dipartimento di Arti Visive dell’Università di Chicago e il Front International di Cleveland, che organizza la triennale di quella città.

Quest’anno verranno assegnati premi per un totale di 100mila dollari per finanziare l’acquisizione di opere provenienti da Expo Chicago, che saranno poi destinate a musei, hotel e a un centro commerciale locale. Frieze ha annunciato l’estate scorsa l’acquisizione di Expo Chicago e della fiera di lunga data di New York, The Armory Show, a condizioni non rivelate.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Benjamin Sutton