Parlano i direttori dei venti supermusei: il Museo Archeologico di Taranto

«Dobbiamo produrre mostre da esportazione»: è l’obiettivo di Eva degl’Innocenti, direttrice del Museo Nazionale Archeologico di Taranto

Anna Saba Didonato |  | Taranto

Si è insediata il primo dicembre la neodirettrice del MarTa (Museo Nazionale Archeologico di Taranto), Eva degl’Innocenti, 39 anni, archeologa di Pistoia con un curriculum di studi ed esperienze lavorative maturati in Italia e all’estero.
Dopo la Scuola di Specializzazione di Archeologia, a Pisa, consegue il diploma di Dottorato in Storia e Archeologia del Medioevo, a Siena, e insegna in Università italiane e francesi. Ha lavorato presso le Scuderie del Quirinale con un progetto dedicato alla mediazione e alla didattica museale e, nel 2009, presso il Musée National du Moyen Âge di Parigi come ricercatrice e project manager. Nel 2010, un secondo progetto europeo le permette di ampliare le sue collaborazioni con la città di Saint-Denis, sede di un centro pioniere della storia dell’archeologia in Francia, dedicandosi anche a museografia, curatela di mostre e comunicazione, «secondo il modello
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anna Saba Didonato