Palermo, l'arte del silenzio nell'Oratorio

Joseph Beuys, 1973, Roma Contemporanea, gigantografia, 120x200 cm,  edizione 1 su 3 . Foto Buby Durini
Jenny Dogliani |

Palermo. Costruito nel centro storico della città nel XVII secolo, totalmente restaurato, ex luogo di culto e di preghiera convertito in uno spazio culturale diretto da vent’anni da Ludovico Gippetto, l’antico Oratorio di Santo Stefano protomartire ospita dal 17 dicembre al 29 gennaio la collettiva «Gli artisti del silenzio».

Curato da Giorgio D’Orazio con la collaborazione di Lucrezia De Domizio Durini, il percorso presenta opere di una trentina di artisti di diversa generazione e provenienza geografica, i cui nomi spaziano da Marco Bagnoli a Joseph Beuys, Omar Ronda, Gino De Dominicis, Michelangelo Pistoletto, Ingeborg Lüscher, Emanuel Pimenta e molti altri ancora; dipinti, disegni, fotografie e installazioni alla cui base c’è l’interpretazione del gesto artistico come elemento teso alla riflessione sull’esistenza individuale e alla trasformazione collettiva della società.

«Se il rapporto
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Omar Ronda, Aprile 1977, Kassel Remember, ferro, foto e acrilico, cm 150x70
Altri articoli di Jenny Dogliani