Nel «collasso disciplinare» si salvano i fotografi-fotografi

Walter Guadagnini |

Non è che sia colpa di Okwui Enwezor, che da sempre ha sostenuto e confortato teoricamente queste posizioni, ma davvero ormai non è più questione di caduta di barriere disciplinari, bensì di vero e proprio collasso disciplinare e strumentale. La presenza della fotografia all’interno della Biennale di Venezia è a questo proposito esemplare: ci sono tonnellate di fotografie, ma della maggior parte di esse non si conosce l’autore, sono fotografie trovate, inserite in un nuovo contesto e riutilizzate come materiale grezzo (con prevalente effetto nostalgico, che funziona quasi sempre). Niente di nuovo sotto il sole (il curatore è stato tra i primi, ormai un decennio fa, a sottolineare l’importanza dell’archivio nella nostra società e nell’arte), ma la quantità fa impressione; così come fa impressione vedere fotografe che dipingono (Lorna Simpson), scultrici che fotografano (Huma Bhabha),
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Walter Guadagnini
Altri articoli in VERNISSAGE