Nasce ITsArt, la cultura italiana nel mondo in digitale

Il 31 maggio s'inaugura con oltre 700 contenuti la piattaforma voluta dal Ministro Franceschini

Riccardo Deni |

Il concerto con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta dal maestro Antonio Pappano, il racconto musicale dalla Villa di Poppea a cura del Parco Archeologico di Pompei, La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea come palcoscenico per la musica di Gavino Murgia, sono i primi contenuti che animeranno ITsArt, la piattaforma voluta fortemente dal Ministro Franceschini.

«C’è una opportunità unica per l’Italia nell’incrocio tra la nostra creatività e l’era digitale». Sono queste le due parole chiave per descrivere il progetto che nasce, non certo a caso, dopo un anno e mezzo di crisi sanitaria dovuta alla pandemia, che ha aperto, o forse semplicemente meglio disvelato, nuove opportunità in ambito di fruizione digitale dei contenuti.

In questo senso, la storia del medium digitale ha già ben spiegato che una mera digitalizzazione di un contenuto fisico e reale non è sufficiente per attrarre pubblico in maniera solida e continua, ed ecco perché ITsArt punta su una produzione propria, ad-hoc, dei contenuti per gli utenti. L’arte è un linguaggio comune a tutto il mondo, e l’Italia è una delle sue culle. Questo deve essere il pensiero portante del progetto, che si propone, quindi, di diffondere le nostre eccellenze artistiche con un approccio cross-mediale tra arte visuale, danza, musica, architettura.

Luoghi iconici d’Italia si offriranno al pubblico come palcoscenici esclusivi di concerti come quello dalla «Santa Cecilia Digital Season» dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta dal maestro Antonio Pappano che esegue il Concerto per violino di Felix Mendelssohn con Maxim Vengerov al violino e la Sinfonia Wq 183 n. 1 di Carl Philipp Emanuel Bach - e Cosmoconcearth, il concerto jazz di Sainkho Namtchylak e Gavino Murgia alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.

Sarà quindi l’ora della collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei che punterà a immergere il fruitore in uno dei siti archeologici più prestigiosi del Paese, Oplontis, dov’è stato realizzato in esclusiva per ITsArt un cortometraggio d’autore (disponibile dal 31 maggio), diretto da Alessandro D’Alatri che porterà il pubblico nel cuore del dramma per musica di Claudio Monteverdi «L’incoronazione di Poppea». Per il Maggio Fiorentino arriverà poi il 21 giugno il primo live streaming con il concerto sinfonico su musiche di Johannes Brahms diretto dal maestro Zubin Mehta e con la partecipazione del pianista Daniil Trifonov.

Il palinsesto della piattaforma è stato pensato e organizzato per fornire agli utenti un'offerta di prodotti molto diversificata, che si articola in contenuti a pagamento (Tvod), e numerosi titoli di contenuti gratuiti (Fvod) e gratuiti con pubblicità (Avod). Tre sezioni, Palco, Luoghi e Storie, per un totale di circa 700 ore di contributi, dove gli appassionati di cultura, i curiosi e gli amanti del nostro paese, potranno trovare i contenuti realizzati, anche in esclusiva per la piattaforma, delle oltre 80 tra le più prestigiose istituzioni che hanno aderito al progetto e dagli operatori culturali di tutta Italia, che hanno colto in ITsART la possibilità di condividere un nuovo spazio in cui godere delle bellezze artistiche e culturali italiane.

Il Palco, con oltre 250 contenuti alla partenza, è un omaggio alle arti performative nella loro più alta espressione, grazie ai preziosi contributi del Maestro Muti, del Teatro alla Scala, del Teatro Regio di Torino, Teatro la Fenice, della Filarmonica di Trento, del Teatro San Carlo, della Fondazione Società dei Concerti, dell’Orchestra e Coro Giuseppe Verdi, di Opera Streaming e del Maggio Musicale Fiorentino, solo per citarne alcuni.

La sezione Luoghi, oltre 200 contenuti, è un viaggio attraverso il paesaggio italiano, la sua varietà e la sua storia, dove insieme a quello del Parco archeologico di Pompei, sarà possibile trovare inediti provenienti da: Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, Museo Egizio, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, il Parco archeologico del Colosseo. Infine, la sezione Storie, con oltre 250 contenuti, un omaggio alla «settima arte» per la quale l’Italia è rinomata e amata nel mondo, dove è possibile vedere il grande cinema con film premiati, incontrare da vicino attraverso interviste e documentari i grandi del cinema italiano.

Moltissimi di questi contenuti saranno prodotti in esclusiva per ITsArt, definita dal Ministro Dario Franceschini «un palcoscenico virtuale che si aggiunge a quello reale per moltiplicare il pubblico, nella consapevolezza che la fruizione digitale non potrà mai sostituirsi a quella dal vivo». Ecco la vera sfida del mondo di oggi che continua, la stessa che ha spinto Jeff Bezos ed Amazon ad acquistare la Mgm per circa 9 miliardi di dollari: i contenuti.

© Riproduzione riservata Il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano
Altri articoli di Riccardo Deni
Altri articoli in ARGOMENTI