Napoli, un festival al bacio

Il cuore pixellato simbolo del Festival del Bacio
Olga Scotto di Vettimo |

Napoli. Il 28 marzo il bacio, forma immediata di comunicazione non verbale, diventa il pretesto per la costruzione di un’opera d’arte non convenzionale costruita sull’etica dello scambio, sulla relazione e sulla rete.
Il Festival del Bacio, ideato dal corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, in collaborazione con mediaintegrati (team di artisti formatosi nello stesso corso accademico, oggi nuove figure professionali eccentriche rispetto alla comune definizione di «artista»), è ormai alla sua quarta edizione.
L’iniziativa, promossa e sostenuta dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, è organizzata negli ultimi due anni a Napoli, città per sua natura ‘sensibile’ e ricettiva ai temi dello scambio e della condivisione. Capace di innescare relazioni inaspettate e spontanee, attraverso dispositivi estetici acceleranti e relazionali disposti sul territorio,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Olga Scotto di Vettimo