GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

MAST industria e lavoro (abiti compresi)

La Fondazione della famiglia Seràgnoli ha l’obiettivo puntato sulla fotografia. Il curatore Urs Stahel illustra i progetti futuri

Giovani visitatrici alla mostra «Anthropocene», allestita fino al 5 gennaio nella Fondazione MAST

Bologna. Nel 2013 è stata creata la Fondazione MAST, un’istituzione che mira a unire i mondi dell’arte e dell’industria. Abbiamo intervistato Urs Stahel, curatore sin dalle origini della PhotoGallery e della Collezione, per fare un bilancio sulle iniziative di questi sei anni.

Qual è lo scopo culturale e quali sono le principali attività del programma di MAST?

La Fondazione MAST, Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia, è un’istituzione culturale non profit che promuove progetti di innovazione sociale e welfare aziendale per le imprese del Gruppo Coesia, aperti al territorio e alla collettività. Si configura come un luogo di condivisione, sperimentazione e partecipazione intergenerazionale dove la fotografia dell’industria e del lavoro è parte della missione primaria. La PhotoGallery di MAST è uno spazio espositivo che vede alternarsi, ogni quattro mesi, esposizioni tematiche e progetti monografici, mostre storiche e proposte di autori contemporanei, tratte dalla Collezione MAST o provenienti da altri archivi, istituzioni internazionali, collezioni private.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Walter Guadagnini, da Il Giornale dell'Arte numero 403, dicembre 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012