Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Massimo Listri al Forte Belvedere

Purezza e disfacimento, rigore e rovine, eternità e transitorietà nelle immagini del fotografo fiorentino

La fotografia di Massimo Listri con «L’Annunciazione» di Beato Angelico nel Convento di San Marco a Firenze. Foto di Massimo Listri

Firenze. Per la mostra «A Perfect Day», in corso fino al 20 ottobre e curata da Sergio Risaliti negli spazi di Forte Belvedere a Firenze, Massimo Listri (1953) presenta una nutrita selezione di opere recenti. La rassegna è articolata sui due piani del grande edificio cinquecentesco di Bernardo Buontalenti, i cui volumi «astratti», espressione del rigore mentale del Rinascimento, ben accolgono le fotografie dell’artista fiorentino che, nell’immortalare, con grande precisione e sensibilità pittorica, le sale di musei, biblioteche o spazi di archeologia industriale, giunge a effetti di astrazione concettuale.

La mostra è tutta concentrata su Firenze e allestita in una fuga di sale a tema, in cui le fotografie risaltano su uno sfondo verde (pantone 6022); è presente anche un registro meno consueto: alle immagini di grande nitore, ora Listri, pur senza mutare il suo repertorio, accosta scatti più attenti al delabré, ai muri scrostati, ai vetri rotti, cui l’obiettivo si avvicina, fino a trasformare i soggetti ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Laura Lombardi, da Il Giornale dell'Arte numero 400, settembre 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012