Luci del Nord accese sul Forte

A Bard una settantina i paesaggi da Delacroix a Monet

Gustave Courbet, «La plage à Trouville», 1865 ca, olio su tela, 34 x 41 cm
Emmanuele Bo |  | Bard (Ao)

L’Ottocento francese, e in particolar modo l’Impressionismo, rappresentano una delle fasi della storia dell’arte più amate dal grande pubblico. Il Forte di Bard affronta questo periodo tracciando interessanti paralleli tra alcuni dei principali protagonisti dell’Impressionismo e altri maestri transalpini del XIX secolo, sotto il cielo della Francia settentrionale.

Questa è l’idea alla base della mostra «Luci del Nord. Impressionismo in Normandia», dal 3 febbraio al 17 giugno negli spazi espositivi della fortezza valdostana. A promuovere la rassegna, curata dallo storico dell’arte Alain Tapié, è l’Associazione Forte di Bard con la collaborazione di Ponte Organisation für kulturelles Management GmbH di Vienna. Più di 70 le opere esposte, compresi alcuni importanti prestiti, come quelli provenienti dall’Association Peindre en Normandie di Caen, dal Belvedere di Vienna, dal Musée
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Emmanuele Bo