Londra, Italian Sales affollatissime e cosmopolite

Provenivano da ben 42 Paesi gli offerenti all’asta italiana di Christie’s. Il nuovo record di Fontana (Sotheby’s) è 21,5 milioni di euro. Le due vendite totalizzano oltre 110 milioni

La sala della casa d'asta Christie's durante l'Italian Sale. © Christie's Images Ltd 2015
Michela Moro |

Londra. Arte italiana internazionale, elegantissima e ambitissima: così è risultato dalle aste londinesi di Sotheby’s e Christie’s del 15 e 16 ottobre. Le sessioni serali abbinavano le Italian Sales alle aste dedicate a Post War and Contemporary Art, e per l’occasione le sale di entrambe le case d’asta sono state affollate all’inverosimile, come mai prima.
In un’atmosfera effervescente e piena di aspettative, spesso anche molto rumorosa, i battitori hanno affrontato i parterre dove le aggiudicazioni sono state a volte fulminee, molto spesso assai combattute. Le offerte sono arrivate letteralmente da ogni parte del mondo, a riprova di quanto sia apprezzata l’arte italiana, con un interesse che si sta ampliando al di là dei superclassici.

Christie’s si aggiudica il nuovo record mondiale con un totale venduto di 58.533.774 euro, il 90% per numero di lotti e il 96% del valore (59 lotti in
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Un momento dell'asta Sotheby's: alle spalle del battitore Oliver Barker, «La Fine di Dio» di Lucio Fontana. © Sotheby's
Altri articoli di Michela Moro