Le vere radici dell’arte italiana

Classici da Amedeo Porro: Campigli, de Chirico e De Pisis

Franco Fanelli |  | Londra

«Credo che, sul versante dell’arte del ’900, l’Italia sia l’unico Paese al mondo che abbia come dimenticato il suo passato, l’epoca che ha preceduto Fontana e Manzoni, per intenderci, soprattutto quando ci proponiamo all’estero. Di qui questa mostra, che vuole fare il punto sulla situazione e verificare quale risposta ottenga l’arte moderna “classica” italiana». Così Amdeo Porro presenta la mostra «The Italian Classical Style, Giorgio de Chirico, Filippo De Pisis, Massimo Campigli». La rassegna, aperta dal 6 ottobre al 15 novembre, propone sei dipinti per ciascun autore, allestiti nello spazio londinese di Bruton Street della galleria Amedeo Porro Fine Arts, che da tempo ha sede a Lugano.

«La mostra organizzata vorrebbe essere la prima di una rivisitazione dei nostri “classici” del Novecento, artisti amatissimi ma ultimamente un po’ trascurati dal mercato e offuscati non solo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli