Le scenografie teatrali di Palazzo D’Avalos

Stefano Miliani |

Nell’Orlando furioso Ariosto citò due cugini D’Avalos impegnati nella battaglia di Pavia del 1525. Nell’imponente palazzo appartenuto alla famiglia a Vasto (un altro è a Napoli),oggi sede museale, la direttrice del Polo museale abruzzese Lucia Arbace insieme a Ivana Di Nardo sfodera rarità nella mostra «In sella! Restauri e recuperi» (aperta dal 19 luglio al 31 agosto). «Per la prima volta vengono proposti, dopo un accurato restauro, i disegni della raccolta del palazzo tra i quali quelli per le scenografie degli spettacoli teatrali», spiega la Arbace segnalandone due del 1730 attribuiti all’ambito di Ferdinando Galli Bibbiena e a Pietro Righini e aggiunge: «Abbiamo recuperato numerosi dipinti in cattivo stato della collezione Ricci Monferrante identificando nel francese Auguste Flandrin l’autore di un bellissimo ritratto femminile del 1838 circa». Fa quindi accenno a quattro antiche selle particolarmente
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani