Le ragazze di Flashback erranti nel tempo

Le fondatrici Ginevra Pucci e Stefania Poddighe ripercorrono le vicende della mostra mercato di arte antica e moderna diventata una realtà consolidata nel panorama italiano

Ginevra Pucci e Stefania Poddighe
Cristina Valota |  | Torino

Nonostante quella che si svolgerà dal 31 ottobre al 3 novembre presso il Pala Alpitour di Torino sia ormai la settima edizione di Flashback, la mostra mercato di arte antica e moderna diventata una realtà consolidata nel panorama fieristico non solo torinese ma italiano, le sue due fondatrici e direttrici, Ginevra Pucci (1970) e Stefania Poddighe (1978), continuano a essere chiamate affettuosamente «le ragazze di Flashback». E forse il segreto del loro successo sta nella loro capacità di aver unito alle indubbie competenze professionali (entrambe provengono dalla «scuola» di un vulcanico inventore di fiere come Roberto Casiraghi) un approccio più «umano» nel rapporto con i vari attori del loro progetto. Stefania Poddighe afferma convinta che Flashback «è diventata una grandissima famiglia che fortunatamente si allarga di anno in anno». Proprio come faceva presagire l’avvio dell’impresa in
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Cristina Valota
Altri articoli in ANTIQUARI