Le città vuote

Quattro fotografi del MiC hanno documentato il lockdown nelle città italiane Patrimonio Unesco

Alfredo Corrao, Matera
Arianna Antoniutti |

Lo scorso anno, tra il 25 aprile e il 2 maggio, quattro fotografi del Ministero della Cultura (MiC) hanno realizzato 2.560 scatti, documentando il lockdown nelle città italiane iscritte nell’elenco del Patrimonio mondiale Unesco.

Una selezione delle fotografie è ora esposta fino al 16 luglio a Palazzo Poli, sede dell’Istituto centrale per la grafica. La mostra «Città sospese. Siti italiani Unesco nei giorni del lockdown», curata da Maria Francesca Bonetti, è organizzata dalla Direzione generale creatività contemporanea del Mic.

Il progetto espositivo, ideato da Margherita Guccione, Carlo Birrozzi e Paolo Iannelli, ha visto impegnati i fotografi Alessandro Coco, Francesca Lo Forte, Alfredo Corrao e Giuseppe Zicarelli, supportati dai Caschi Blu della Cultura e dai Carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale.

Coco ha lavorato a Roma, Lo Forte a Napoli, Corrao a Matera e Alberobello, mentre Zicarelli ha fotografato Firenze, Venezia, Urbino, Ferrara, San Gimignano, Pisa e Siena: città d’arte vuote, silenziose, senza cittadini né turisti. L’intera documentazione visiva entrerà a far parte degli archivi dell’Istituto centrale per il catalogo e la documentazione.

© Riproduzione riservata Francesca Lo Forte, Napoli, Piazza Plebiscito, Basilica di San Francesco di Paola Alessandro Coco, Roma, Piazza di Spagna Giuseppe Zicarelli, Ferrara, Castello Estense
Calendario Mostre
Altri articoli di Arianna Antoniutti
Altri articoli in MOSTRE