Le città di Mao

Ada Masoero |  | Lugano

Per la sua seconda mostra il nuovo spazio culturale [dip] contemporary art ha scelto l’artista Wang Tong (Cina 1967), chief editor fotografico della rivista «Chinese National Geography», per la prima volta in Europa. In «Traces of Time» (fino al 5 marzo), Wang Tong presenta due progetti degli ultimi decenni: «Forging Cities» documenta le città cinesi in tumultuosa espansione in una prospettiva di costante non finito, «Mao on the Wall» è stato avviato negli anni Novanta per documentare il culto diffuso del «Grande timoniere», testimoniato da innumerevoli omaggi murali, spesso istrutti o perduti.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)