Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

La storia della pittura con Salvador Dalí

Retrospettiva dell'artista catalano al Grimaldi Forum di Montecarlo a trent'anni dalla morte

Salvador Dalí «Elementos enigmáticos en un paisaje» 1934 (particolare).Foto: Salvador Dalí, Fundación Gala-Salvador Dalí/VEGAP. Figueres, 2019

Montecarlo (Principato di Monaco). Il principe Alberto di Monaco ha inaugurato la sera del 5 luglio «Dalí, una storia della pittura» (aperta fino all’8 settembre), mostra che propone una visione retrospettiva dell'opera di Salvador Dalí e di come essa sia inserita nella storia della pittura del XX secolo.

L’esposizione, organizzata dalla Fundación Dalí e dal Grimaldi Forum (insieme con il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid e il Salvador Dalí Museum di St. Petersburg in Florida), è un percorso attraverso 52 dipinti, 28 disegni, 30 documenti tra cui manoscritti, libri, riviste, 48 fotografie (principalmente di Brassaï), 10 oggetti dello studio del maestro spagnolo e 10 documenti audiovisivi.

A trent’anni della morte di Dalí la mostra ripercorre non solo le influenze che i grandi maestri della storia dell’arte esercitarono su di lui, ma anche ciò che egli trasmise a tutti i movimenti pittorici del XX secolo.

Il capitolo surrealista è rappresentato da opere come «La memoria de la mujer- niña» del 1929, «El espectro del sex-appeal» o «Elementos enigmáticos en un paisaje» del 1934, che documentano l’apporto di Dalí al movimento guidato da André Breton, in particolare il metodo paranoico-critico, un sistema per rendere visibile l’invisibile attraverso il delirio controllato dello spirito o mediante il ricorso alla doppia immagine.

Per la prima volta in una mostra viene riprodotto lo studio ideale che Salvador Dalí progettò a Port Lligat, ispirandosi al trattato De divina proportione di Luca Pacioli illustrato da Leonardo Da Vinci: uno spazio di molteplici finestre aperte per far entrare il paesaggio e la luce del Mediterraneo che l'artista plasmerà nelle sue tele.

L’esposizione permette di osservare come negli anni ’40 e ’50 del Novecento la pittura di Dalí rese omaggio al Classicismo e all’influenza degli artisti del Rinascimento. La passione per la cultura classica è riflessa anche nella sua opera letteraria: nel 1948, appena ritornato dagli Stati Uniti, Dalí pubblica i «50 segreti magici per dipingere», con una classifica dei pittori più rilevanti della storia dell’arte: Vermeer, Raffaello, Velázquez, Leonardo da Vinci, Picasso. Nel 1951 Dalí conferma la sua ammirazione per il Rinascimento, il Classicismo e la pittura religiosa nel Manifesto mistico-nucleare. Si interessa alla scienza, alla terza dimensione, agli effetti ottici, che lo portarono a realizzare i dipinti stereoscopici.

La mostra si addentra negli anni Ottanta, l’ultima tappa di Dalí, quando la sua pittura si riempie di evocazioni e riflessioni sulla morte, la volontà di trascendere, di essere immortale. L’ultimo capitolo è dedicato all’influenza dei grandi maestri della storia dell’arte nella concezione artistica di Dalí.

Il coordinamento generale di «Dalí, una storia della pittura» è di Catherine Alestchenkoff, del Grimaldi Forum. Per la Fundación Dalí, Montse Aguer è commissario; Laura Bartolomé, curatrice e commissario aggiunto; Clara Silvestre, del Centro de Estudios Dalinianos, responsabile della documentazione.

Redazione, edizione online, 5 luglio 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012