GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

La semplicità della bellezza

Le interpretazioni astruse e intellettualistiche non aiutano

«Senza titolo» di Svenja Deininger

Chiedo al lettore di fare un piccolo sforzo e leggere questo estratto dal comunicato stampa della mostra della artista austriaca Svenja Deininger presso la Galleria Federica Schiavo di Milano: «Se la tradizione europea moderna ha interpretato il cammino come modalità filosofica conoscitiva, che dalle rêveries del Promeneur Solitaire di Jean-Jacques Rousseau a Der Spaziergang (La passeggiata) di Robert Walser ha coniugato semplicità e contemplazione, pensiero teoretico e visionarietà, l’arte di Deininger mostra similmente il percorso di una pittura come atto di pensiero in movimento nel mondo, dimensione al tempo stesso analitica ed emozionale, fatta di ricognizione e improvvisazione intuitiva, memoria e partecipazione. Deininger si approssima in ciò a una forma di scrittura articolata nella composizione delle singole opere, in cui è la natura dei loro accostamenti a determinare il senso della frase pittorica. Ecco perché le tele singolarmente non hanno mai titoli, ma sono le immagini e le variazioni ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Giorgio Guglielmino, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012