La nobiltà del gas

Francesca Romana Morelli |  | Roma

La prima personale di José Angelino alla galleria Alessandra Bonomo

José Angelino (Ragusa, 1971) predilige lavori ridotti all’essenzialità, l’impiego di materiali come gas nobili, elettricità, luce, acqua, dei quali altera il comportamento naturale con interventi minimi. «È come giocare sulla riva di un ruscello, spiega, gettando ciottoli fino a modificarne il corso e alla fine scoprire che l’acqua trova comunque la strada più semplice per continuare a scorrere».

Fino al 30 gennaio, tiene la prima personale con un nucleo di lavori concepiti per l’architettura della galleria Alessandra Bonomo. Lunghi tubi di vetro, che a volte si allargano creando volumi cubici, racchiudono del gas nobile; l’interferenza con scariche elettriche genera luce colorata, come delle micro aurore boreali. Sottili travi di ferro delimitate ai bordi da vernice idrofobica, non permettono all’acqua di scivolare via, ma la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Romana Morelli