Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Opinioni

La natura «relativa» della pittura nelle nuove sale degli Uffizi

Eike Schmidt coniuga relazioni stilistiche e iconografiche tra opere e artisti, senza annichilire l’architettura

Una delle nuove sale riallestite nella Galleria degli Uffizi

Firenze. La riconfigurazione espositiva degli Uffizi è perseguita con meditata continuità dal direttore Eike Schmidt, sostenuto dall’esperienza degli architetti Antonio Godoli della Galleria, affiancato da Nicola Santini e Lily Kani. Le prime ad essere riallestite sono state le due sale di Botticelli nel 2016, seguite nel 2018 da quelle dedicate a Caravaggio e il Seicento (8 sale), della collezione Contini Bonacossi (8 sale), di Michelangelo e Raffaello, di Leonardo (nel 2019). Si aggiungono ora le contigue quattordici sale, già destinate a Decima, l’ufficio delle imposte, come rammenta l’affresco con il Tributo di Cesare di Giovanni Martinelli, che sovrasta la saletta del Greco. I dipinti, molti estratti dai depositi, come la portentosa «Madonna del Popolo» di Federico Barocci, illustrano le molteplici declinazioni con cui gli artisti fiorentini e veneti, ma anche emiliani, marchigiani, fiamminghi e francesi, risposero all’imperiosa temperie controriformista.

Antonio Paolucci, nella folgorante presentazione delle nuove sale, ha indicato nella natura «relativa» della pittura il presupposto museologico di Schmidt, quale è rispecchiato nei due registri, perfettamente accordati, dell’allestimento museografico. Quest’ultimo coniuga infatti, con sottile garbo critico, relazioni stilistiche e iconografiche tra opere e artisti, senza annichilire l’architettura, anzi evidenziandone il carattere arioso e severo e affrancandola dal triviale concetto di «contenitore» neutro. Gli estri costruttivi e le difformità delle sale sono valorizzati per istituire una relazione perspicua tra spazio e quadri. Le finestre, per esempio, non sono occultate, ma incorniciano vedute urbane, mutevoli come la luce diurna che tempera quella artificiale; ogni ambiente traguarda prospetticamente le sale contigue e può dilatarsi nell’infilata ritmica di laconici portali.

La squisita architettura della fabbrica di Giorgio Vasari si lascia assaporare nelle geometrie diverse delle volte, rischiarate da un intonaco chiaro e luminoso che si estende alle pareti, dalle quali si staccano i pannelli colorati di supporto ai dipinti. I loro colori dialogano sommessamente con le tele: il grigio setoso della pietra serena accompagna la lucentezza quasi metallica dei dipinti toscani nella sala di Bronzino e nella galleria delle Dinastie; mentre la pastosa luminosità dei veneziani, tra cui irradia l’irresistibile «Venere di Urbino» di Tiziano, è aureolata da un verde vellutato e notturno. Il visitatore viene indirizzato, con grazia e riserbo, in un percorso critico che, svelando analogie e contrasti, parentele e fratture, mette in relazione le morbide movenze di Barocci con la ritrosa eleganza di Ligozzi; la penetrante esattezza di Bronzino con l’ariosa monumentalità di Veronese; la scomposta carnalità di Commodi con l’aulica potenza di Giorgione.

Claudia Conforti, edizione online, 9 agosto 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012