La Menorà, una storia millenaria

Il più antico simbolo ebraico in mostra ai Musei Vaticani e al Museo Ebraico di Roma

La Bibbia di San Paolo fuori le Mura, IX secolo,  Roma, Biblioteca dell’Abbazia di San Paolo fuori le Mura
Arianna Antoniutti |

Città del Vaticano. Il Braccio di Carlo Magno, sede espositiva dei Musei Vaticani situata nell’ambiente progettato da Bernini per raccordare la facciata di San Pietro al colonnato della piazza, ospita fino al 23 luglio la mostra «La Menorà: Culto, Storia e Mito». Per la prima volta l’istituzione vaticana accoglie un’esposizione divisa in due differenti sezioni: una nel Braccio di Carlo Magno, per l’appunto, l’altra nel Museo Ebraico di Roma. L’evento espositivo è difatti frutto di un’inedita collaborazione tra Stato della Città del Vaticano e Comunità Ebraica di Roma che, nell’ambito di un progetto che ha richiesto quattro anni di lavoro, hanno cooperato per la realizzazione di una mostra dedicata alla Menorà, alla sua storia millenaria e alla sua rappresentazione attraverso le epoche e gli stili.

Nel corso della presentazione alla stampa della mostra, curata da Arnold Nesselrath,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Vetro dorato con raffigurazione di oggetti simbolico-rituali ebraici, IV secolo, Musei Vaticani
Altri articoli di Arianna Antoniutti