La griffe di Griffa

Francesca Romana Morelli |  | Roma

Nel 2015 Giorgio Griffa ha tenuto una retrospettiva al Centre d’Art Contemporain di Ginevra, curata da Andrea Bellini. Il critico si sta adoperando a ridisegnare una storia della cultura artistica torinese dagli anni Sessanta in poi, che, in seguito alle vicende culminanti nell’Arte povera, ha penalizzato diversi artisti.

Dal 4 febbraio al 9 aprile, alla Fondazione Giuliani, Bellini cura una mostra di Griffa (Torino, 1936), incentrata sull’opera su carta e composta da oltre quaranta lavori datati dalla fine degli anni Sessanta a oggi.

Rispetto alla produzione su tela dell’artista, il disegno occupa una posizione autonoma, supportato anche esso da una progettazione chiara ed essenziale: «Il disegno è destinato a riempire lo spazio a poco a poco seguendo la direzione, il ritmo, la frequenza scelta. Il momento successivo è rappresentato dalla decisione riguardante il “luogo” di inizio dell’opera, spesso
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Romana Morelli