La cura e la bellezza

Maria Elena Santagati |

Bergamo. Venticinque dettagli di altrettanti capolavori - di Botticelli, Hayez, Canaletto e Raffaello, Lotto tra gli altri - appartenenti alla pinacoteca bergamasca Accademia Carrara, riprodotti in maxi formato (scala 1:10), copriranno per un anno una superficie totale di 400 mq ospedali.

Un’operazione di umanizzazione dei luoghi di cura che porta il museo oltre le sue mura, avvicinando anche il pubblico potenziale, che non lo frequenta e cambia la percezione del tempo di pazienti e operatori.

L’operazione svela dettagli invisibili a occhio nudo come i segni delle pennellate, le crepe delle tele, costruendo un ambiente di bellezza in un contesto ad elevata intensità emotiva.

Le opere sono state scelte in un processo partecipato che ha visto il coinvolgimento del personale degli ospedali nell’individuazione dei messaggi “dal gesto di affetto, alla dolcezza di uno sguardo ai paesaggi rasserenanti", a
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Maria Elena Santagati
Altri articoli in IMPRESE