La cultura è l'arma dolce contro gli estremisti

Giusi Diana |  | Palermo

Si rafforzano i rapporti tra Italia e la giovane democrazia tunisina. E al Museo del Bardo i segni dell’attentato rimangono come monito
In ottobre un incontro tra i sindaci di Torino, Piero Fassino, e di Tunisi, Seifallah Lasram, invitato nel capoluogo piemontese al Terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale, ha sancito la collaborazione tra le due città unite dalla tragedia dell’attacco terroristico del 18 marzo al Museo del Bardo di Tunisi (cfr. n. 352, apr. ’15, p. 6), costato la vita anche a tre piemontesi.
È stato firmato un accordo per sviluppare progetti di collaborazione in campo economico, dei servizi pubblici, ma anche in quello culturale, ritenuto particolarmente strategico, gemellando i musei torinesi, primo tra tutti il Mao, Museo d’arte Orientale, con il Museo nazionale del Bardo. Fassino ha inoltre annunciato l’invito al prossimo Salone del Libro (maggio 2016) dei Premi Nobel per la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giusi Diana