La burocrazia soffoca l’archeologia

Stefano Miliani |  | Roma

La burocrazia sta provocando l’emicrania agli archeologi universitari. Perché si sentono soffocare da una morsa al punto che un gruppo di docenti ne ha discusso con il Direttore generale delle antichità del ministero Gino Famiglietti affinché il ministero allenti la presa. Ecco quali sono i punti della discussione

Premio di rinvenimento

Il premio di rinvenimento è quanto lo Stato corrisponde sia al proprietario di un terreno in cui è stato trovato un reperto di interesse archeologico sia a chi l’ha scoperto. A oggi lo Stato è in arretrato nei pagamenti. Per salvaguardare le casse pubbliche, in autunno Famiglietti ha diffuso una circolare in cui chiedeva di rinunciare preventivamente a quel premio a chiunque partecipi allo scavo. Per i professori si pone per esempio un ostacolo insormontabile: pianificando in primavera una ricerca per l’autunno, non possono indicare quali studenti scaveranno nell’anno
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani