LA BIENNALE CHE SARÀ | Nella Venezia che scomparirà

Alla Biennale del 2015 abbiamo dato sei ragioni per cui Venezia era condannata. Lo è ancora. Dall’innalzamento del livello del mare all’abbandono della città dell’Unesco, la situazione è desolante

Stato di crollo delle fondamenta di una casa documentato nel 200-04
Anna Somers Cocks  |  | Venezia

Aumento del livello del mare
Nel 2015 vi abbiamo chiesto di notare le alghe verdi sui gradini che scendono nei canali. Questo mostra che la maggior parte di essi sono coperti durante l’alta marea. Il livello medio relativo dell’acqua è quasi 40 cm più alto ora che nel 1897, quando ha iniziato a essere registrato scientificamente, e sta per a peggiorare molto. Nel suo rapporto del 2021 l’Intergovernmental Panel on Climate Change, l’organismo più autorevole del settore, dice che nel suo scenario intermedio di un aumento della temperatura di 2,1°C-3,5°C (considerato il più probabile) gli oceani aumenteranno di 44-76 cm. Vale la pena notare che gli olandesi stanno pianificando un aumento di 40-120cm. Per peggiorare le cose, anche Venezia sta affondando di 1-1,5mm all’anno, quindi aggiungete altri 8-12cm entro la fine del secolo. Le mareggiate temporanee come quella del 17 novembre 2019, quando l’acqua ha raggiunto 187 cm sopra il livello medio del mare, sono dannose, ma non quanto l’aumento costante del livello del mare che sta divorando gli edifici, che crolleranno come questa casa vicino a San Barnaba nel 2003.
Esempio di erosione causata dall’innalzamento del livello dell’acqua
Barriere mobili contro le inondazioni
Sette anni fa le barriere contro le inondazioni ai tre ingressi dall’Adriatico nella laguna non funzionavano ancora. Ora stanno proteggendo parti della città da eventi temporanei di inondazione: l’agenzia che le ha costruite, il Consorzio Venezia Nuova, dice che saranno efficaci contro un’impennata di 3 metri. Ma non sono la soluzione all’ineluttabile aumento del livello dell’acqua. Immaginate Venezia come un malato cronico: gli eventi alluvionali sono gli episodi acuti che possono essere alleviati, ma la malattia di fondo, mortale, rimane. Con un aumento del livello medio delle acque di 76 cm, Venezia verrebbe allagata due volte al giorno, a ogni alta marea, il che richiederebbe la chiusura della laguna dall’Adriatico. Ma senza lo scambio di acqua con il mare la laguna si trasformerebbe in una palude maleodorante. Nessuno sa ancora quale potrebbe essere la soluzione, perché non c’è una squadra di idrologi, ecologisti e ingegneri che ci lavora. Pochi articoli sono apparsi su riviste scientifiche e sulla stampa locale, per il resto i media tacciono.
Esempio di erosione delle fondamenta
L’innalzamento dell’acqua fa marcire la città

Venezia non scomparirà come Atlantide; marcirà e cadrà. Il livello dell’acqua ha già superato le basi di pietra relativamente impermeabili della maggior parte degli edifici e viene assorbita dai mattoni porosi, frammentandoli e lavando via la malta. L’umidità ha raggiunto i piani superiori e sta arrugginendo i tiranti di ferro che tengono insieme le case. Questo non ha precedenti nella storia della città e peggiorerà rapidamente quando l’acqua salirà. Specialisti come Mario Piana, che occupa l’antica posizione di Proto, architetto responsabile della Basilica di San Marco, lo dice da anni, ma come per tutti i problemi a lungo termine della città, non c’è nessuno con la facoltà di prendere decisioni che stia ascoltando.

Nessuno è responsabile, quindi non c’è nessun piano
Sette anni fa abbiamo descritto come la responsabilità per Venezia e la sua laguna sia divisa tra troppi enti, locali, regionali e nazionali, con poco coordinamento tra loro. È ancora così. Senza contare le loro organizzazioni subordinate, quattro Ministeri a Roma e nove Comuni hanno ruoli più o meno grandi, ma separati, nell’elaborazione e nell’esecuzione delle politiche. Per esempio, il sindaco ha autorità su tutti i canali della città, eccetto il canale della Giudecca attraverso Venezia, che è sotto l’autorità portuale di Venezia, che a sua a sua volta è sotto il Ministero delle Infrastrutture di Roma. Sorprendentemente non c’è ancora un’autorità a livello nazionale o locale con la responsabilità della protezione globale della città e della laguna. Il comitatone, che si riunisce a Roma di tanto in tanto per votare spese eccezionali, non è in alcun modo un organo di strategia.
Le alghe intaccano una colonna
L’Unesco ha abbandonato Venezia
Il World Monuments Fund ha fatto di Venezia un sito World Heritage Watch nel 2013 e nel 2016 Europa Nostra l’ha dichiarata uno dei siti più a rischio in Europa. Queste sono entrambe organizzazioni influenti, ma private, mentre la molto più significativa Unesco, una propaggine delle Nazioni Unite che aspira a proteggere il patrimonio culturale più importante del mondo, ha completamente mancato la città. Sette anni fa minacciava di mettere Venezia nella lista dei siti del patrimonio mondiale a rischio, ma ha fallito l’obiettivo tre volte sotto la pressione del Governo italiano, che considera l’inserimento nella lista un’umiliazione nazionale. Cosa ci vorrà per convincere il governo di Roma che senza azione Venezia è condannata, e che ha una responsabilità nei confronti dei veneziani, dell’Italia e del mondo?

SOS VENEZIA

BIENNALE DI VENEZIA

© Riproduzione riservata