L'omaggio della Sicilia a Burri

La facciata del Riso a Palermo
Giusi Diana |

Palermo. Anche la Sicilia ricorda Alberto Burri nell’anno delle celebrazioni del centenario dalla nascita. Una mostra monografica aperta fino al 20 settembre a Palermo e curata da Bruno Corà accoglie la sublime presenza dei Cretti, monocromi bianchi o neri allestiti nelle sale del primo piano del Museo Regionale d’Arte Contemporanea, Riso (riaperte per l’occasione poiché sono in corso i lavori di riqualificazione del palazzo finanziati con fondi europei). A partire dagli anni Settanta e fino al 1976 il maestro umbro realizza le famose superfici spaccate su cellotex con il reticolo di fessurazioni che ricordano gli effetti della siccità sui terreni argillosi. Un processo di essiccamento dell’impasto di zinco, colle viniliche e terre, messo a punto nel corso degli anni. La Sicilia consente a Burri di portare all’apice questo suo filone di ricerca, che aveva già raggiunto dimensioni
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Alberto Burri, Bianco.Cretto, 1973
Altri articoli di Giusi Diana