GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

L’italiano che conosce Notre-Dame più di tutti

Livio De Luca aveva digitalizzato la Cattedrale millimetro per millimetro, una dotazione miracolosa per la futura ricostruzione

La «nuvola di punti» realizzata da Art Graphique & Patrimoine prima dell'incendio. © Art Graphique & Patrimoine

Parigi. «Sin dai primi giorni dopo l’incendio di Notre-Dame, ho saputo che le parti andate distrutte, compresa la capriata, che chiamano “la foresta”, potevano essere ricostruite in modo identico. Alcuni anni fa la cattedrale è stata al centro di una campagna di digitalizzazione rigorosa, parliamo di decine di miliardi di coordinate 3D e fotografie ad altissima risoluzione. È un’ottima notizia per la ricerca scientifica e per la ricostruzione, poiché questi dati potranno essere messi a disposizione degli architetti. Ricostruire la Cattedrale in modo identico è possibile, ora è una questione di volontà del Governo».

Livio De Luca è ricercatore al Cnrs (Centre national de la recherche scientifique, il Cnr francese) e direttore del Laboratorio Modelli e simulazioni per l’architettura e il patrimonio, che lavora sulla definizione delle metodologie di digitalizzazione dei monumenti storici con il Ministero della Cultura. Fa anche parte dell’Associazione scientifica per il restauro di Notre-Dame creata ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 399, luglio 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012