Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

L’indiano e l’iperborea

Sunil Gupta e Evgenia Arbugaeva alla Photographers' Gallery

«Sun City», di Sunil Gupta. © Martin Parsekian

The Photographers’ Gallery inaugura la stagione espositiva autunnale con due mostre personali di Sunil Gupta ed Evgenia Arbugaeva (dal 9 ottobre al 24 gennaio). Gupta, indiano di Nuova Delhi, classe 1953, presenta nello spazio londinese lavori prodotti nell’arco di cinque decenni, alcuni dei quali mai esposti prima.

Attivista per i diritti omosessuali e da sempre interessato alle congiunture tra identità, genere ed etnia, ha documentato con la macchina da presa relazioni e storie di vita Lgbt a partire dagli anni ’70, quando si era trasferito a New York per motivi di studio. A quegli anni risale la sua prima serie fotografica, «Christopher Street», i cui soggetti, immortalati nelle strade del Greenwich Village, sono i protagonisti della comunità gay di Downtown Manhattan.

Se nella serie «Exiles» (1986-87) Gupta visualizza le storie nascoste di uomini gay prima della decriminalizzazione dell’omosessualità in India, avvenuta solo nel 2018, negli autoritratti «From Here to Eternity» (1999) l’artista esplora la fragilità della vita e la paura della morte, in seguito alla diagnosi positiva al virus dell’Hiv.

«Dopo aver scoperto di essere sieropositivo, ho pensato alla fotografia come cura, dichiara Gupta. La camera oscura è un processo magico, un processo di guarigione». Esposta per la prima volta al pubblico a Londra è la serie «Memorials» del 1995, con cui il fotografo commemora le vittime di crimini omofobi.

Per la sua prima grande personale in Gran Bretagna, l’artista russa di base a Londra Evgenia Arbugaeva presenta i quattro capitoli di un progetto fotografico avviato nel 2013 e terminato l’anno scorso: «Hyperborea» è un’epopea visuale delle remote regioni della Russia artica, dove la stessa Arbugaeva è nata e cresciuta.

Combinando un approccio documentario a uno stile narrativo e fantastico, l’artista crea immagini intrise di «realismo magico», in cui composizioni ricercate si accompagnano a tavolozze cromatiche da fiaba.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 411, ottobre 2020


  • Uno degli scatti di Evgenia Arbugaeva in mostra

GDA Abbonamenti 2020




GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012