ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Musei

L’Egizio di Milano tornerà nel Castello Sforzesco

Approvato il progetto di riallestimento delle sale viscontee finanziato da Fondazione Cariplo

Un render della sezione egizia del Civico Museo Archeologico

Se la tabella di marcia potrà essere rispettata, nel 2022 il Museo Egizio tornerà nelle sale viscontee del Castello Sforzesco, in cui apriva fino al 2017. Il 31 ottobre scorso la giunta del Comune di Milano ha approvato le linee guida per il riallestimento, su progetto di Markus Scherer, Merano, grazie al finanziamento di 1,3 milioni di Fondazione Cariplo, erogato tramite ArtBonus.

Frequentatissima, specie dagli studenti ma non solo, la sezione egizia del Civico Museo Archeologico (museo di cui Anna Provenzali è il conservatore responsabile), disporrà di nuove teche su misura, di un nuovo impianto d’illuminazione (di Pietro Palladino), di una rinnovata didattica e di avanzate postazioni multimediali, in un percorso ridisegnato nelle sue sezioni tematiche secondo criteri aggiornati.

Intanto, si è provveduto da un lato alla rimozione delle barriere architettoniche, dall’altro allo studio e al restauro dei reperti, rimasti sigillati nelle teche dal 1973, quando il Museo Egizio s’inaugurò al Castello Sforzesco. Di proprietà del Comune dal 1900, la raccolta egizia, prima d’allora statale, può far conto oggi su un patrimonio di circa 3mila reperti (con numerosi capolavori), di cui solo una minima parte era esposta nel precedente allestimento.

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 413, dicembre 2020

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012