L’eclettico collezionista Howard Hodgkin

Gareth Harris |  | Londra

Più di 400 lotti provenienti dalle collezioni del pittore britannico Howard Hodgkin, deceduto lo scorso marzo a 84 anni, verranno messi in vendita da Sotheby’s il 24 ottobre a Londra. Hodgkin era un collezionista davvero eclettico: nel catalogo d’asta compaiono, oltre a opere dell’artista, oggetti turchi, indiani e islamici, calligrafie, oggetti moghul, rilievi in pietra calcarea, frammenti di tappeti persiani e opere rinascimentali in pietra dura.

Il suo partner Antony Peattie ha dichiarato alla Bbc: «Hodgkin collezionava per nutrire la sua anima, cioè per poter essere in grado di lavorare». L’incasso della vendita è destinato a rispettare le ultime volontà dell’artista. «Howard ha lasciato uno scritto in cui lascia molto denaro a molte persone diverse; sarò in grado di onorare questi impegni solo grazie a questa vendita».

Tra i lotti di arte contemporanea, «Travelling», un dipinto di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Gareth Harris