L’artista manager non ha l’atelier

Silvano Manganaro |  | Roma

La metamorfosi dello studio secondo 11 autori

Dal 19 maggio al 3 luglio l’American Academy di Roma ospita la mostra «Studio Systems», nella quale undici artisti (Yuri Ancarani, Richard Barnes, Anna Betbeze, Suzanne Bocanegra, Petra Cortright, Marcel Duchamp, Theaster Gates, Philip Guston, Josephine Halvorson, Dawn Kasper e Bryony Roberts) declinano in modo differente il tema dello «studio», o più romanticamente dell’atelier. Ne parla Peter Benson Miller, direttore dell’Accademia e curatore della mostra. 

Quali sono i cardini attorno ai quali ruota l’esposizione? 

La mostra esplora, situandolo nella varietà degli approcci che caratterizzano la pratica contemporanea dello studio, uno degli aspetti centrali degli obiettivi dell’Accademia, la quale offre ad artisti e studiosi ampi spazi e tempo libero per lavorare, a volte insieme. Il titolo «Studio Systems» suggerisce l’interazione collaborativa dei
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Silvano Manganaro