L’arte è antisovranista

Achille Bonito Oliva: «L’arte non è una pratica solamente identitaria quanto piuttosto una partecipazione dove non ci sono confini»

«Napoleone davanti alla Sfinge», di Jean-Léon Gérôme
Achille Bonito Oliva |

L’arte è quanto di più anti-sovranista ci sia. Essa vuole rivendicare dei valori assoluti che valgono per tutti, e Napoleone non fu certo l’unico ad avere adottato una strategia predatoria nella sua campagna d’Italia portando con sé capolavori dell’arte. Se pensiamo a come anche i tedeschi, con il loro amore per la cultura greca e latina, con la loro formazione di grande rispetto per l’archeologia, paradossalmente abbiano salvato delle testimonianze artistiche del passato molto importanti che possono oggi essere contemplate per esempio a Berlino.

Quindi, paradossalmente, alcuni Paesi europei che avevano, possiamo dire, un atteggiamento colonialista, hanno preservato portando con sé nel loro Paese queste opere che se fossero rimaste nella propria terra d’origine sarebbero state condannate a diventare pure rovine. L’arte non è una pratica solamente identitaria, non è solo frutto di una
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Achille Bonito Oliva