L’archeologia dei tedeschi

I più spettacolari ritrovamenti archeologici in Germania nell’ultimo ventennio

Il "disco del cielo" di Nebra, la prima raffigurazione concreta del cosmo mai fatta dall'uomo. Himmelscheibe von Nebra, bronzo e oro, 1600 ca. © Landesamt für Denkmalpflege und Archäologie Sachsen Anhalt, Foto di Juraj Liptäk
Francesca Petretto |  | Berlino

«Tempi irrequieti. Archeologia in Germania» è il titolo della mostra più attesa dell’autunno berlinese al Martin-Gropius-Bau. Patrocinata dal Museum für Vorund Frühgeschichte, il Museo di Preistoria e Protostoria, insieme all’Associazione nazionale degli archeologi tedeschi e dal presidente della Repubblica F.-W. Steinmeier, è il contributo tedesco alle celebrazioni per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

La rassegna, aperta dal 21 settembre al 6 gennaio e allestita su 1.600 mq nel piano terra del museo, presenta i più spettacolari ritrovamenti archeologici effettuati in Germania nell’ultimo ventennio.

Fra i circa 300 reperti esposti, in prestito da oltre 70 istituzioni nazionali e private: il colossale muro del porto romano di Colonia, riportato alla luce durante gli scavi per la metropolitana cittadina; alcuni pezzi pregiati dell’epoca delle grandi migrazioni del Neolitico, come quelli
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Petretto