L’annus horribilis del Macba

Roberta Bosco |  | Barcellona (Spagna)

Con la nomina del nuovo direttore Ferran Barenblit (Buenos Aires, 1968), il Museo de Arte Contemporáneo de Barcelona (Macba) risolve la crisi che ha decimato i suoi vertici.

Barenblit torna a Barcellona a testa alta, dopo averla abbandonata nel 2008 per andare a Madrid a dirigere il Centro de Arte Dos de Mayo (CA2M) di Móstoles.
Quando decise di lasciare il Centro de Arte Santa Mónica di Barcellona per divergenze con la Generalitat (Regione) e accettò la sfida di dirigere un centro periferico, appena aperto e quindi completamente sconosciuto, molti parlarono di suicidio professionale.
Invece Barenblit è riuscito a collocare il CA2M nel circuito degli spazi emergenti e a dargli una proiezione internazionale. Non sorprende quindi che il suo arrivo sia atteso con impazienza e speranza adesso che il Macba sembra aver perso la sua identità e la sua strada in una successione di sfortunate decisioni culminate con
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Roberta Bosco