Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

L’Africa sognata di Deana Lawson

La prima volta in Europa della fotografa afroamericana

«Brother and sister. Soweto», 2018, di Deana Lawson. © Deana Lawson

Amsterdam. Quella nei ritratti di Deana Lawson è «un’Africa sognata, una terra immaginaria e amata, dove regna l’armonia», scrive Zadie Smith nella monografia che Aperture ha dedicato lo scorso anno alla fotografa afroamericana. «Non è una realtà concreta o politica ma uno stato mentale, sacro proprio perché letteralmente irraggiungibile e geograficamente fantastico».

Nata a Rochester nel 1979 e considerata una delle voci più interessanti della sua generazione, la Lawson è per la prima volta in Europa con una personale, allestita da Huis Marseille dall’8 giugno al primo settembre. Con riferimenti dichiarati a Jeff Wall, Diane Arbus e Carrie Mae Weems, al centro dei suoi ritratti scorre la cosiddetta diaspora africana, black people provenienti da ambienti sociali umili, gli stessi dove è vissuta lei.

Tra Stati Uniti, Caraibi e Africa, i soggetti vengono messi in scena come fossero re, e fotografati in interni carichi di dettagli, accessori e arredi che si rifanno alla mitologia delle loro radici. E non importa se fuori dal set lottano per la sopravvivenza quotidiana, perché quando l’obiettivo li inquadra li restituisce alla loro storia individuale, all’orgoglio dei loro corpi, al potere e all’identità delle origini.

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 398, giugno 2019


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012