Klee e vari altri visionari

Ada Masoero |  | Lugano

Klee e vari altri visionari
Lugano (Svizzera). È Paul Klee (1879-1940) il protagonista della stagione autunnale del MASI-Museo d’arte della Svizzera italiana nella sede del LAC sul Lungolago (dove continua fino al 13 novembre «Marcel Broodthaers. Poesie industriali», cfr. n. 429, giu. ’22, p. 77). Dal 4 settembre all’8 gennaio la mostra espone, per la prima volta nella sua completezza e in un museo, la «Collezione Sylvie e Jorge Helft», che riunisce una settantina di lavori su carta, dal 1914 fino alla fine, selezionati dalla coppia in anni di ricerche, attingendo a quelli che erano i media più cari all’artista, che in essi poteva più che mai dare sfogo al suo vivido immaginario (nella foto, «Spiriti del teatro», 1939). Proprio accanto, nella sede della Collezione Giancarlo e Danna Olgiati (che fa parte del MASI), va in scena, dal 18 settembre al 18 dicembre, «Pietro Roccasalva. Chi è che
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero