Il tempo nell’armadio

Julio Vaquero alla Torbandena

Franco Fanelli |  | Trieste

È realista come l’amico e maestro Antonio López García, però è nato nella Barcellona di Tàpies: la pittura di Julio Vaquero (1958) si sviluppa su una doppia radice. Da un lato la sensibilità per il dato reale, dall’altro l’alchimia della materia pittorica da cui affiorano oggetti e ambienti. La Galleria Torbandena ospita sino al 31 dicembre una sua personale.

Vi è documentata, attraverso quattro oli di grande formato, altre opere più piccole e tre disegni a guazzo, la produzione di un anno. Quella di Vaquero è una quotidianità indagata mettendo a fuoco reperti, arredi e altre testimonianze cariche di vissuto e dunque di affetti: i soggetti dei suoi quadri sono armadi antichi, alcuni aperti per lasciare traboccare il loro disordinato contenuto; e poi cassapanche, portaritratti, oppure dettagli che mettono a fuoco brani di tappezzerie damascate o cornici appese. «Fragmentos» li intitola
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli

La classifica mondiale delle mostre più visitate: nel mondo la collezione Morozov, in Italia la Biennale

Per la prima volta documenta a Kassel registra un sensibile calo di visitatori: colpa di una mostra troppo povera di opere e appesantita dallo sperimentalismo? Intanto a Venezia la Biennale dei sogni e delle donne centra un nuovo record e a Parigi la collezione Morozov incanta non soltanto per l’effetto guerra. Sale la moda, ormai partner del contemporaneo che continua a prevalere sull’antico