Il San Girolamo di Bassano del Grappa: Lotto o crosta?

Un libro dai toni pacati ma espliciti sulla restituzione di una attribuzione

«San Girolamo nel suo studio» (particolare) tratto dalla copertina del libro «Il San Girolamo di Lorenzo Lotto. Storia di una riattribuzione ai Musei di Bassano del Grappa» di Chiara Casarin ed Enrico Maria Dal Pozzolo
Stefano Miliani |

Un dipinto può passare dalla gloria alle stalle senza un confronto scientifico tra i più esperti? La notorietà mediatica di chi si pronuncia su un’attribuzione può deciderne le sorti in un battibaleno? Se vi sembrano domande retoriche, le pone un libro dai toni pacati ma espliciti firmato dalla direttrice dei musei civici di Bassano del Grappa, Chiara Casarin, e Enrico Maria Dal Pozzolo.

La prima parla di falsi e falsari e il secondo assegna un piccolo quadro al pittore Lorenzo Lotto, tirando in ballo Vittorio Sgarbi. Dal Pozzolo, docente a Verona, co-curatore nelle due mostre sul Lotto allestite al Prado di Madrid e alla National Gallery di Londra, curatore dell’esposizione sul pittore in corso a Macerata, ricorda che nel 1978 il Comune di Bassano acquistò per 20 milioni di lire una tavola raffigurante «San Girolamo nello studio» su consiglio di Lionello Puppi. Dopo l’avallo della
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani