Il restauro diventa una scoperta: un crocefisso anonimo si rivela un capolavoro del primo ‘500

Il busto del Crocifisso prima del restauro
Tina Lepri |

Petrella Tifernina (Campobasso). Sembrava un Cristo di fattura popolare e scarso pregio, invece un attento restauro ha rivelato il valore e la grande bellezza di un singolare, finora trascurato, crocefisso in legno, da sempre nella chiesa romanica di San Giorgio Martire (XII secolo) a Petrella Tifernina (CB), in Molise. Assai amato dalla popolazione del paese, era in evidente degrado, il suo aspetto nascosto da una vernice rosa che ne alterava l’aspetto. È stata proprio la gente del piccolo centro a permetterne il restauro: una raccolta fondi porta a porta ha consentito di raccogliere il denaro necessario. In molti hanno contribuito, alcuni si sono autotassati con una piccola somma mensile, raro esempio di iniziativa culturale e sociale basata sulla spontanea, generosa partecipazione della gente del posto, e infine, di un imprenditore molisano.

Promotori dell’iniziativa i membri del coro della chiesa,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Il volto del Cristo dopo la pulitura
Altri articoli di Tina Lepri