Il quarto restauro della Crocifissione

Claudia Crosera |  | SPILIMBERGO (PN)

Si deve alla generosità della famiglia Frigimelica e al contributo della Fondazione Crup, il restauro di un importante brano di affresco raffigurante la Crocifissione, appartenente al ciclo biblico che decora le pareti e la volta dell’abside del Duomo di Santa Maria Maggiore a Spilimbergo. «Si tratta di un’operazione (conclusa nell’estate 2015 e presentata lo scorso marzo Ndr) che ha permesso di riportare all’antico splendore uno degli esempi più importanti della pittura friulana della metà del Trecento», ricorda lo storico dell’arte Fabio Tonzar, direttore dei lavori della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio.

La Crocifissione, collocata sulla parete di fondo dell’abside, è probabilmente stata eseguita ante 1358, data di consacrazione dell’altare maggiore, da un artista che potrebbe aver collaborato con Vitale da Bologna nella Cappella Maggiore del Duomo di Udine nel 1348-49. Numerosi dettagli
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Claudia Crosera