Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Il primo semestre delle case d’asta italiane | Wannenes

Conferme sui dipinti antichi e successo del design: fatturato a 13,2 milioni

Raul du Gardier, «Croisière», aggiudicata a 272.800 euro

La mappatura italiana delle case d’asta di «Il Giornale dell’Arte». Per questa stagione sono stati richiesti i dati semestrali a cinquanta «testate» cui han fatto seguito 27 risposte, cinque in più del 2018. Nella costante diversità di modus operandi e generi, la somma dei risultati, per quanto imperfetta, supera i 160 milioni di euro, con l’ovvia soddisfazione di chi ha incrementato i propri fatturati. Come sempre il dipartimento più attivo in quasi tutte le case d’aste è quello dell’arte moderna e contemporanea, ma a seguire si evincono le peculiarità di ognuno, considerando anche le diverse aree geografiche di provenienza. Bene gioielli, design, automotive. Il contributo esponenziale delle vendite online è ormai un fatto assodato. Ecco le voci dei protagonisti.

WANNENES
Fatturato primo semestre 2019: 13.268.883 euro

Top lot
1. Coppia di orecchini pendenti con diamanti e zaffiri Kashmir, 2.976.000 €
2. Raul du Gardier, «Croisière», olio su tela, 148x247 cm, 272.800 €
3. Josef Albers, «Study for homage to the Square: Miil Day», 1954, olio su masonite, 40,6x40,6 cm, 175.100 €


Il risultato di Wannenes (Genova e Milano), di 13.268.883 euro comprende le due aste di Dipinti del XIX secolo della Belle Epoque e Gioielli e orologi tenutesi a Monte Carlo il 29 luglio in partnership con Art Contact. L’ad Guido Wannenes analizza i risultati: «Conferme sui dipartimenti classici come i dipinti antichi che ha totalizzato 2.652.234 euro, gli arredi, sculture e oggetti d’arte con 1.690.183 euro, e l’arte moderna e contemporanea che ha raggiunto 1.259.612, anche per l’ottimo risultato raggiunto da un olio su masonite del 1954 di Josef Albers, “Study for homage to the Square: Mild Day”, aggiudicato a 175.100 euro, diritti inclusi, risultando il top lot assoluto per il primo semestre. Una tendenza che oramai si conferma da diversi anni è il successo internazionale del design, che in questo primo semestre si è concretizzato con una percentuale del 73,36%. In particolare è stata premiata l’estrema selezione del catalogo “Forme” con il meglio del design italiano e mondiale del XX secolo e che ha totalizzato, insieme al catalogo tradizionale, 1.758.608 euro».

Michela Moro, da Il Giornale dell'Arte numero , settembre 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012