ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Restauro

Il prezioso Codice Resta è stato restaurato a Roma

Vent’anni fa 
l’inattesa scoperta, oggi l’atteso ritorno

Da sinistra, Eliana Calandra, direttrice della Biblioteca Comunale di Palermo, e il sindaco Leoluca Orlando con il Codice Resta

Palermo. Dopo 20 anni il Libro d’Arabeschi di padre Sebastiano Resta (Milano, 1635-Roma, 1714), o Codice Resta, è tornato nel fondo Manoscritti e Rari della Biblioteca Comunale di Palermo di Casa Professa, dove venne casualmente rinvenuto alla fine degli anni ’90 dall’allora direttore Salvatore Pedona e da Vincenzo Abate, direttore di Palazzo Abatellis. Si è infatti concluso il lungo periodo di studio e di restauro svoltosi presso l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma.

Nel Laboratorio di restauro opere d’arte su carta diretto da Fabio Fiorani il Codice è stato sottoposto ad analisi diagnostiche preliminari, documentazione grafica e fotografica e interventi conservativi che hanno riguardato la legatura, la coperta in marocchino rosso e tutte le 242 pagine su cui sono incollati ben 292 disegni e 15 stampe inedite degli allievi di Raffaello Giulio Romano e Perin del Vaga, e di artisti come Francesco Salviati, Federico Zuccari, Jacopo Barozzi detto Il Vignola e Pietro da Cortona, solo per citare i più ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Giusi Diana, da Il Giornale dell'Arte numero 399, agosto 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012