Il particolare rapporto di Baselitz con Venezia

La prima retrospettiva di un artista vivente alle Gallerie dell'Accademia

«Schlafzimmer» di Georg Baselitz, 1975 (particolare). © Georg Baselitz. Foto Jochen Littkemann, Berlino
Francesca Petretto |  | Venezia

Per la prima volta nella storia le Gallerie dell’Accademia dedicano, dall’8 maggio all’8 novembre, una retrospettiva a un artista vivente, Georg Baselitz, al secolo Hans-Georg Kern, nato a Kamenz (1938) nel distretto Deutschbaselitz che gli ha ispirato lo pseudonimo con cui è noto in tutto il mondo.

Pittore, scultore, grafico, il poliedrico maestro tedesco, per il curatore della mostra Kosme de Barañano «uno degli artisti più significativi della seconda parte del XX secolo», ha da sempre un rapporto speciale con l’Italia, almeno dal 1965, anno in cui raggiunge Villa Romana a Firenze in qualità di giovane borsista.

Da questo momento in poi si dedica allo studio dell’arte italiana cercando di assorbire l’influenza delle impressioni che il posto gli suscita. Nasce così il linguaggio provocante, aggressivo e ruvido di Baselitz che elegge l’Italia a suo refugium soprattutto dopo il successo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesca Petretto