Il museo fotografato in 3D

Walter Guadagnini |  | Losanna

Al Musée de l'Elysée opere dei primordi della fotografia dialogano con i lavori di artisti contemporanei

È una delle domande ineludibili per chiunque si trovi a dirigere un museo in questi primi decenni del nuovo secolo, a maggior ragione se si tratta di un museo specializzato in fotografia: come far dialogare le opere del passato, anche recente, con le nuove tecnologie, sia in fase di conservazione che in fase di esposizione, senza tradire le prime e sfruttando al meglio le seconde? Una domanda che non è ovviamente solo tecnica ma è anche, e soprattutto, culturale, e alla quale tenta una risposta Tatyana Franck, direttrice del prestigioso Musée de l’Elysée (ginevrina, classe 1984, membro della Ypo, associazione che riunisce giovani direttori e manager internazionali, chief editor della rivista «Else», ha raccolto lo scorso anno l’eredità di due figure carismatiche come William Ewing e Sam Stourdzé) con la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Walter Guadagnini