Il mondo è un bambino malato

Nietzsche, Kavafis e Tagore tra gli ispiratori di Anna Boghiguian

Jenny Dogliani |  | Rivoli (To)

Nata al Cairo nel 1946 da una famiglia armena vittima dell’esodo, Anna Boghiguian è un’artista di nazionalità egiziano-canadese incline al nomadismo. Sempre in viaggio tra Europa, Asia, Africa e America, si dedica a esplorare la condizione umana tormentata da guerre, crisi e migrazioni. A curarne la prima retrospettiva, al Castello di Rivoli dal 19 settembre al 10 dicembre, sono Carolyn Christov-Bakargiev e Marianna Vecellio, con una selezione di opere che il prossimo marzo approderà alla Sharjah Art Foundation negli Emirati Arabi.

Il percorso cronologico va dal libro d’artista ZYX-XYZ del 1981 (viaggio esistenziale di un alchimista illustrato con gouache, acquerelli, pastelli, collage e scritte a mano libera) ai disegni sul soggiorno di Nietzsche a Torino, dove la Boghiguian si è trattenuta la scorsa primavera per ricostruire il proprio studio del Cairo in una sala del Castello di Rivoli inclusa
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Jenny Dogliani