Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Il Leone d'Oro alla carriera a Jimmie Durham

L'artista designato «per il suo modo di fare arte che allo stesso tempo sa essere critica, divertente e profondamente umanistica», dice il curatore Ralph Rugoff

Jimmie Durham al lavoro. Foto: William Nicholson

Venezia. Il Leone d'Oro alla Carriera della 58ma edizione della Biennale di Venezia verrà attribuito all'artista, poeta e scrittore americano Jimmie Durham. Nato nel 1940, Durham, che vive in Europa, ha partecipato a diverse edizioni della Biennale di Venezia (1999, 2001, 2003, 2005, 2013), a due edizioni di Documenta a Kassel (nel 1992 e nel 2012) a tre edizioni della Biennale del Whitney Museum di New York (1993, 2003, 2014) e a due edizioni di quella di Istanbul (1997, 2013).

Tra i riconoscimenti, nel 2016 ha ricevuto l'Anello Imperiale della città tedesca di Goslar e nel 2017 il premio Robert Raschenberg. Ha pubblicato, tra l'altro, due raccolte di saggi (A certain lack of coherence, del 1993, per la casa editrice londinese Kala Press, e Waiting to be interrupted, nel 2014, per la milanese Mousse Publishing) e due libri di poesie (Columbus Day, 1985, e Poems that do not go together, 2012).

«Ho indicato Jimmie Durham per il Leone d'oro alla carriera per i notevoli risultati in campo artistico che ha raggiunto negli ultimi sessant’anni e, in particolare, per il suo modo di fare arte che allo stesso tempo sa essere critica, divertente e profondamente umanistica», ha dichiarato il curatore della Biennale 2019 Ralph Rugoff. «Da cinquant’anni a questa parte Durham trova modi sempre nuovi, intelligenti ed efficaci per far fronte alle forze politiche e sociali che plasmano da sempre il mondo in cui viviamo. Allo stesso tempo, i suoi contributi in campo artistico sono considerati eccezionali per la loro originalità formale e concettuale, per la disinvoltura con cui egli sa fondere tra loro parti dissonanti e prospettive alternative e per la loro irrefrenabile giocosità. Le sue opere ci commuovono e ci deliziano in modo del tutto imprevedibile. Tutto ciò che l’artista realizza ci ricorda che "l’empatia fa parte dell'immaginazione e l'immaginazione è il motore dell'intelligenza", per citare le sue stesse parole».

Vittorio Bertello, edizione online, 4 aprile 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012