Il futuro è phygital

La 10ma MIA Fair è pronta a esplorare nuovi campi disciplinari, senza mai perdere il focus sulla fotografia

Monica Poggi |  | Milano

Sono state annunciate le nuove date per MIA Fair, dopo l’annullamento dello scorso anno. La decima edizione si svolgerà dal 7 al 10 ottobre nella nuova sede di Superstudio Maxi in via Moncucco, con più di 7mila metri quadrati a disposizione. Sposando una logica di contaminazione, MIA Fair è pronta a esplorare nuovi campi disciplinari, senza mai perdere il focus sulla fotografia.

A dirlo è Lorenza Castelli, direttrice della manifestazione insieme a Fabio Castelli: «La prossima edizione si concentrerà maggiormente sulla ricerca e trasversalità dei linguaggi artistici contemporanei, proponendo nuove sezioni curate, in cui la fotografia dialoga con il design (nella sezione MIDA-Milan Image Design Art) e con altri media artistici (nella sezione Beyond Photography Contemporary)».

La trasversalità anima anche il programma collaterale, ricco di tanti appuntamenti online. Proposte e approfondimenti che non intendono sostituire l’esperienza in presenza, ma ampliare la portata commerciale di una fiera «phygital» (da physical+digital), per fornire a galleristi e a collezionisti nuove possibilità di contatto.

L’immagine dell’edizione è tratta dagli scatti magnetici e surreali del progetto «Saved by the Bell» del fotografo britannico Rankin. Volti trasformati dal make-up artist Andrew Gallimore, a richiamare la cultura pop ed eclettica degli anni ’80 e ’90 fusa con un immaginario futuristico dal forte impatto visivo.

A fare il punto sulle più recenti tendenze della fotografia contemporanea la mostra «New-Post Photography 2021», con i 19 artisti selezionati per il premio, accanto ai vincitori dell’edizione precedente.

Per l’inaugurazione di MIA Fair verrà annunciato il vincitore del Premio G*AA Fotografia D’Architettura 2020, il miglior interprete di tale genere fotografico teso a indagare le continue trasformazioni dell’ambiente, degli spazi e dei paesaggi in cui viviamo. A oggi sono già un centinaio gli espositori che parteciperanno a MIA Fair, fra editori e galleristi provenienti da Italia, Europa e Stati Uniti; le candidature sono aperte fino al 15 maggio.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Monica Poggi
Altri articoli in GALLERIE